fbpx

CHI SIAMO | INDIRIZZO | SCRIVICI | SEGUICI SU social facebook box blue 24social twitter box blue 24google  smallvimeo-logoFlickr-Logo

La Controriforma in Chiesa

Hot
CA
La Controriforma in Chiesa

Documenti multimediali

Data dell'intervista:
1 ottobre 2011
Premi per vedere/ascoltare:

L’Atis ha pensato di dedicare all'arte successiva al Congresso di Trento un’uscita autunnale, recandosi nel Luganese presso i villaggi di Carona e Pregassona sabato 8 ottobre 2011.
Oltre alle testimonianze dell'arte romanica, le chiese ticinesi rappresentano infatti una documentazione vivace dell'arte scaturita durante la Controriforma.

Guarda il video dell'uscita in Alta Definizione su Vimeo

Sottoposte al controllo politico dei cantoni protestanti, i territori dei baliaggi italiani degli Svizzeri furono oggetto di un'attenzione particolare da parte del clero lombardo. Soprattutto l'arcivescovo di Milano, Carlo Borromeo, autore nel 1577 del volume "Instructionum fabricae et suppellectilis ecclesiasticae", fu un infaticabile animatore della politica religiosa tridentina nelle valli ticinesi. Ancora oggi, nelle zone ambrosiane o sottoposte alla diocesi di Como, esistono numerose testimonianze della volontà dei vescovi riformatori di conservare e affermare la cattolicità di queste terre governate da protestanti.

Guarda il video dell'uscita:

Atis - La Controriforma in Chiesa from Atistoria on Vimeo.



Le Chiese visitate sono state 4, ognuna con una testimonianza di valore storico e artistico:

  1. Nella Chiesa parrocchiale di San Giorgio a Carona è visibile il «Giudizio universale» di Domenico Pezzi, una tra le più belle copie di quello di Michelangelo Buonarroti in cui appare perfino temeraria la scelta di rappresentare gli "ignudi" senza le "brache" di Daniele da Volterra imposte all'originale sistino dal fervore bacchettone della Controriforma.
  2. La Chiesa di Santa Maria d'Ongero a Carona rappresenta un tipico esempio del culto mariano, legato ad apparizioni e miracoli, esploso tra il XVI e il XVII secolo nei territori prealpini.
  3. La Chiesa di Santa Maria di Pazzalino (Pregassona - Lugano) ospita l'affresco "Scena della Battaglia di Lepanto" (1571) in cui appare la Madonna "bombardiera" (metà del secolo XVII) dove la vergine e il bambino consegnano all'angelo le palle di cannone da gettare contro i turchi.
  4. Nell'Oratorio di San Pietro e Paolo di Pregassona si possono ammirare due affreschi poi vietati dalla Controriforma:
  • «Il Cristo festivo» - una rarità venuta alla luce con i restauri del 1985 - che ricorda che chi non santifica la festa ferisce il Signore. Tale modello iconografico venne abolito dal Concilio di Trento assieme a molte altre rappresentazioni di mistica popolare.
  • «La Madonna del latte» in cui si mostra la vergine che allatta. Tra gli scopi del concilio di Trento vi era il voler evitare immagini di natura sensuale o percepite come tali dalla morale dell'epoca. La Riforma cattolica tridentina annoverò tra queste immagini sconvenienti, che si riteneva potessero fuorviare il fedele, le rappresentazioni di Maria a seno scoperto poiché accusate di distogliere i fedeli dalla preghiera. Fu demandato ai vescovi il compito di valutare le varie rappresentazioni e di decidere se queste dovessero essere ritoccate, oppure rimosse.

 

Powered by JReviews

Atis - Informazioni generali

L'Atis, Associazione ticinese insegnanti di storia, è nata il 2 ottobre 2003 con l'obiettivo di riunire i docenti di storia della Svizzera italiana di tutti i gradi di scuola.

L'Associazione promuove la riflessione e il dibattito sull'insegnamento della storia e sulle diverse correnti storiografiche.

Difende la professionalità dell'insegnante di storia nell'ambito di una scuola sempre più messa sotto pressione dalle esigenze di una società dominata dalle leggi del rendimento economico.

§§