fbpx

CHI SIAMO | INDIRIZZO | SCRIVICI | SEGUICI SU social facebook box blue 24social twitter box blue 24google  smallvimeo-logoFlickr-Logo

G. Ludi Juveniles: Doveri, aspirazione e voti della Giovane Italiana mentre la Patria è in armi

Hot
CA
G.  Ludi Juveniles: Doveri, aspirazione e voti della Giovane Italiana mentre la Patria è in armi

I Ludi Juveniles erano un saggio annuale di cultura fascista, arte e sport, al quale partecipavano, nelle province, gli iscritti di tutte le categorie e che aveva il suo epilogo a Roma, in una gara nazionale riservata agli Avanguardisti, ai Giovani fascisti, alle Giovani italiane e alle Giovani fasciste. Analogamente alle esercitazioni ginniche, in quell'occasione agli alunni di tutte le scuole italiane veniva proposto lo svolgimento di un componimento il cui tema proveniva direttamente da Roma.

In questo scritto ricorrono alcuni temi già frequentati in componimenti precedenti: la giustificazione dell'entrata in guerra dell'Italia con la necessità di salvaguardare gli interessi nazionali, la fede nelle parole del duce e l'obbedienza verso i superiori, il riferimento alla preghiera per invocare l'aiuto divino «affinché conceda presto la vera e sospirata vittoria», l'eroismo dei giovani soldati. Il componimento si chiude con un appello alla disciplina cui sono chiamati gli Italiani in questo momento difficile.

 

Sale, 14 febbraio 1941

Ludi Juveniles

Giovane Italiana

Doveri, aspirazione e voti della Giovane Italiana mentre la Patria è in armi

Nel giugno del 1940, l’Italia sorse in armi contro l’Inghilterra e la Francia; nel novembre dichiarò guerra anche alla Grecia. Sono passati otto mesi, otto mesi di sacrificio, di lavoro silenzioso e disciplinato da parte di tutto il popolo italiano che capisce essere giunto il momento della rivendicazione dei propri diritti, otto mesi di aspri combattimenti e di eroismi da parte dei soldati e di tutto il popolo italiano.

I nostri bravi e ardenti giovani, appena la Patria li chiama, corrono al campo con il moschetto in mano. E le Giovani Italiane, che non possono vestire l’uniforme del soldato, che cosa possono fare per la nostra Patria ?… Prima di tutto devono credere tutto ciò che dicono i nostri Superiori, aver fede nella vittoria, perché l’Italia lotta per la giustizia contro l’egoismo.

La vittoria non mancherà, l’ha detto il Duce, perché noi Italiani siamo un popolo che cresce e che marcia verso il più radioso avvenire.

Per questo ogni giorno devono innalzare al Signore le loro più ferventi preghiere, affinché conceda presto la vera e sospirata vittoria e faccia risplendere sulle tenebre e sulle rovine, seminate dalla barbarie e dal desiderio di oro, la stella d’Italia. Devono disimpegnare i propri doveri con onore per rendersi degne dell’Impero conquistato con tanto eroismo e con tanto slancio dai nostri fratelli e andare senza esitare e senza rispetto umano alla ricerca del ferro, lavorare assiduamente nella preparazione d’indumenti di lana per i nostri soldati, fare propaganda di patriottismo, accettare gioiosamente i piccoli sacrifici di questo tempo, studiare con più ardore, e soprattutto pregare perché l’Italia riporti presto la più sfolgorante vittoria.

 

 

Scarica i temi di Lidia in formato PDF:

Files:
I Temi di Lida: piccola italiana svizzera HOT

Testo completo dei temi scritti da Lidia, piccola italiana svizzera (PDF).

Date 29-05-2012 File Size 43.55 KB Download 5.777 Download

Powered by JReviews

Atis - Informazioni generali

L'Atis, Associazione ticinese insegnanti di storia, è nata il 2 ottobre 2003 con l'obiettivo di riunire i docenti di storia della Svizzera italiana di tutti i gradi di scuola.

L'Associazione promuove la riflessione e il dibattito sull'insegnamento della storia e sulle diverse correnti storiografiche.

Difende la professionalità dell'insegnante di storia nell'ambito di una scuola sempre più messa sotto pressione dalle esigenze di una società dominata dalle leggi del rendimento economico.

§§

Abbiamo 91 visitatori e nessun utente online